Acciacchi d’autunno – parte seconda

Cavalo, oggi è il 15 e la mia voce è ancora persa non so dove! Ormai temo non ritornerà più… Il momento più assurdo è alla sera quando tento di addormentare Ufetto cantando improbabili ninne-nanne con un’altrettando improbabile voce. tant’è che ormai se la canta da solo, il ragazzo… Eh sì, pure un figlio canterino mi è toccato. io che stono pure i cori allo stadio mi ritrovo questa specie di musico in erba che riesce a estrarre suoni sensati da qualunque cosa. Anzi, va visto quando picchia sui tasti del pianoforte di casa… Stile alla Allevi, dimensioni mignon. Sì, perchè l’altro giorno me lo ha pure detto il pediatra: un po’ più corto e un po’ più ciccio della media. In pratica, una patata. Canterina, però!

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

Acciacchi di autunno

Del fatto che a me l’autunno piaccia già ho scritto e non cambio idea. Mi piacciono le giornate di sole con l’aria già frizzantina e mi piacciono i colori del bosco d’autunno. E adoro la pioggerellina fine, quella che ti permette di mettere il soprabito (no, trench no, per favore!) e di dimenticare a casa l’ombrello. Tutto molto romantico e un po’ parigino…

Bene, oggi sono ridotta un rottame: pioggerella fine e niente ombrello, peccato che il mio fisico si sia ribellato. Da tre giorni la voce mi ha abbandonato, stamattina per un attimo ho creduto in modo definitivo. Diagnosi: infiammazione delle corde vocali. Passa stando zitti. Perfetto! Oggi 6 ore di riunione e domani 2 di lezione… Adesso mi è presa pure una tosse odiosa e il naso che cola. L’autunno, Parigi, la pioggia… brava Zoe, ben ti sta!

Pubblicato in Bloggando del tempo che passa... | Lascia un commento

Earth from above

Ognuno di noi ha un posto del cuore. Il mio è Vienna. Per tanti motivi, perchè mi assomiglia, perchè a maggio è indimenticabile e profuma di rose, perchè ha il sapore della mela e della cannella, perchè è malinconica ed euforica. E perchè ci ho trascorso un tempo sufficiente per poterla capire almeno un po’.

E’ lì che un giorno mi sono imbattuta in una mostra fotografica che non dimenticherò. Earth from above.   La cosa geniale è la prospettiva. La terra vista dal cielo. Ci si imbatte in un modo nuovo, a tratti crudele, a tratti magico. Una gioia di colori. Cibo per gli occhi e per il cuore. Guardate qui…

Pubblicato in Cose che mi piacciono | Lascia un commento

Grazie… Sarai con me per sempre.
         Un bacio
                      C.
Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

Buongiorno mondo!

Mi sono trasferita! Oggi inauguro questo nuovo blog e sono un po’ emozionata… Ho iniziato da così poco a scrivere e già cambio casa. Eppure ne avevo bisogno… Spero di trovarmi bene qui. Sono un po’ imbranata, non so ancora bene come organizzarmi, ma imparerò. Intanto, sono riuscita a importare i vecchi posts e per me è già un gran successo!

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

Una domenica di autunno.

E’ autunno. Si sente nell’aria e mi piace. Non so perchè, ma c’è qualcosa di malinconico e unico tutto attorno. Oggi è stata una bella giornata di sole, con l’aria frizzantina e la voglia di uscire.
Una domenica come tante, iniziata facendo colazione al bar con Ufetto e il suo Papà e continuata tranquillamente tra il divano, la maglia, il computer e la cucina. Eppure son felice. Forse perchè Ufetto si è mangiato un bel filetto di branzino con il purè – 9 mesi! – forse perchè ho staccato il cervello dalle ansie settimanal-lavorative, forse perchè la Ferrari vince, forse solo perchè è autunno…
Sono felice. Voglio godermi l’attimo.

Pubblicato in Bloggando del tempo che passa... | Lascia un commento

Zoe raddoppia.

Sono tornata da nemmeno un’ora e già è nato un nuovo blog. “Zoe at the fireplace” era nato come blog di una appassionata di knit&stitch, ma poi ha preso un’altra piega. Quando ho aperto questo blog stavo aspettando l’arrivo del mio piccolo e i pensieri volavano lì… A poco a poco, per me, questo spazio è diventato una sorta di diario dove scrivere le mie emozioni, anche le più piccole, di neomamma e di donna. E’ giusto che rimanga questo, il mio diario di bordo nel lungo viaggio che ho davanti.
E allora ho deciso di aprirne un altro di blog, che sia solo il contenitore delle mie passioni “hobbystiche”. Ecco Zoe’s knitting: http://zoeisknitting.blogspot.com/
Se a qualcuno interessa, buon viaggio!

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

Son tornata!

…sono tornata dopo 6 mesi. Che strano effetto… 6 mesi della mia vita dedicati completamente al mio piccolo Ufetto, che ha assorbito ogni mia energia, ogni mio pensiero, ogni mia emozione. Fra due giorni compie nove mesi. Il che, con un rapido conto, significa 18 mesi di tempo dedicati SOLO a lui. Mi ha riempito la vita, ha cambiato i miei orizzonti e mi ha svelato nuovi significati. Sarei pronta a rifarlo ancora e ancora. Ma adesso è tempo di tornare a me. E’ tempo di ritrovare un po’ del mio spazio e del mio tempo. Egoista? Non credo. Se sono serena e realizzata, anche Ufetto crescerà felice.
Ho ricominciato a lavorare con il ritmo che tutti conoscono, voglio anche ritagliare qualche ora per le mie passioni. Poche briciole di tempo, ma sufficienti. Chissà, magari con il tempo anche il mio piccolo imparerà ad apprezzarle e a condividerle con me…

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

Eccomi di nuovo qui!

Oddio, quanto tempo… Solo stasera, mentre Ufetto dorme nella sua culla e il suo papà è via per lavoro, sono riuscita a trovare la calma e il silenzio per tornare a scrivere. Quante cose sono successe… Da quando Ufetto è atterrato ogni giorno è una grande scommessa. Oggi che cosa inventerà di nuovo? Riuscirò a tirare fiato? E soprattutto… dormirò? Comunque, un’avventura grandiosa!
Sto provando a riprendere i ferri quando alla sera lui cade addormentato. Scarsi risultati: sono stanca e di solito il giorno dopo devo rifare metà del lavoro. Temo che dovrò aspettare ancora un po’ per riprendere alla grande. E dire che avrei così tante idee!!! E poi lavorare con le mani mi libera la testa, mi fa respirare.
In compenso sto dandomi da fare con il web: fra poco vedrà la luce la mia home page. Molto seriosa e soprattutto lavorativa, ma intanto è un inizio.
Il blog mi diverte di più… se solo ne avessi tempo! Ma Ufetto crescerà e mi ritroverò a rimpiangere questi giorni, quindi per ora me lo tengo stretto stretto!

Pubblicato in Uncategorized | 1 commento

…due settimane dopo…

Buongiorno! Sono passate due intense settimane dall’ultimo post e l’unica cosa che non è cambiata nella mia vita è che fuori dalla finestra continua a cadere la neve. Ufetto è atterrato una notte di freddo e gelo e da quel momento tutto è cambiato. La mia vita è entrata in centrifuga e sembra non volersi più fermare… Dal momento in cui questo esserino si è posato tra le mie braccia, tutto è stato sconvolto. Un grande Tsunami, e non solo per le poppate, i pannolini, i risvegli folli nel cuore della notte e i pianti inconsolabili… Quello che è stato sconvolto è il mio profondo: un cambio di prospettiva a 360 gradi che, se anche più volte preannunciato dalle solite amiche-parenti-vicine che “io ci sono già passata”, non sono ancora riuscita a metabolizzare. Sono disorientata. E felice. Sono terrorizzata all’idea di sbagliare. E innamorata di lui. Vorrei scappare lontano e tornare alla mia vita serena e ordinata. E non riesco a smettere di guardarlo.
E’ sconvolgente quanta forza abbia un esserino così piccolo e indifeso, la stessa forza che gli ha permesso di affrontare un viaggio lungo e duro e di atterrare in questo mondo, così caotico, complicato e lontano dalla quiete dei nove mesi protetto nel grembo accogliente della mamma.
Ufetto è arrivato e ha già il suo caratterino, per nulla facile sembra. Sa già quel che vuole e, sorpattutto, quello che non vuole. E’ vivace e determinato, per quello che può esserlo un fagotto di 3 Kg. Ma sa farsi valere. Io l’ho sempre sognato così: un tipetto dal carattere determinato, di quelli che la vita vogliono viverla da subito e non lasciarsi trasportare. E adesso che è qui e urla al mondo che lui c’è, io ho paura. Paura di navigare a vista, io che ho sempre mantenuto il controllo. Paura di sbagliare e ricominciare, io che sono sempre andata avanti dritta e sicura.
Non è la stanchezza, non sono le notti insonni e la fatica fisica a scovolgere, è il miracolo della vita che arriva e spazza tutto, fa piazza pulita di orpelli e preconcetti, butta a mare tutto il superfluo e ti riporta a contatto con ciò che nel profondo veramente sei.

Pubblicato in Bloggando del tempo che passa..., Uncategorized | Lascia un commento